Media Bias Fact Check

Share:

Queste fonti mediatiche hanno una leggera o moderata tendenza liberale. Spesso pubblicano informazioni fattuali che utilizzano parole cariche (parole che tentano di influenzare un pubblico facendo appello all’emozione o agli stereotipi) per favorire le cause liberali. Queste fonti sono generalmente affidabili per le informazioni, ma possono richiedere ulteriori indagini. Vedi tutte le fonti del centro-sinistra.

  • Nell’insieme, valutiamo Al Jazeera di sinistra-centro biased, basato sulla selezione delle storie che favorisce leggermente la sinistra e misto per la segnalazione dei fatti a causa di controlli dei fatti falliti che non sono stati corretti e ingannevole bias editoriale estremo che favorisce il Qatar.

Rapporto dettagliato

Rapporto effettivo: MISTO
Paese: Qatar
Classifica mondiale della libertà di stampa: Qatar 125/180

Storia

Fondata nel 1996, Al Jazeera è un network internazionale di notizie di proprietà dello stato del Qatar attraverso la Qatar Media Corporation. Ha sede a Doha, Qatar. Puoi vedere la timeline della loro storia qui e vedere la leadership di Al Jazeera America qui. La dottoressa Mostefa Souag è attualmente direttore generale ad interim di Al Jazeera Media Network.

Finanziato da / Proprietà

Al Jazeera è di proprietà e finanziato dallo stato del Qatar. Il fondatore e presidente del consiglio di amministrazione è lo sceicco Hamad bin Thamer Al Thani, che è un membro della famiglia regnante del Qatar, la Casa dei Thani. Secondo un articolo di Fortune, nel 2016, l’emittente Al Jazeera, finanziata dallo stato, ha licenziato 500 lavoratori a causa dei problemi finanziari del Qatar a causa dei bassi prezzi globali del petrolio e del gas naturale. Al Jazeera genera entrate attraverso la pubblicità.

Analisi / Bias

In rassegna, Al Jazeera riporta notizie con parole minimamente caricate nei loro titoli e articoli come questo: L’ONU approva una squadra per monitorare il cessate il fuoco nella città portuale dello Yemen e Erdogan ritarda l’operazione in Siria, accoglie il ritiro delle truppe USA. Entrambi questi articoli provengono da agenzie di stampa credibili. Quando si riportano notizie dagli Stati Uniti, c’è ancora una volta un minimo di pregiudizio nella segnalazione come questa: Il capo del Pentagono Mattis lascia, cita le differenze politiche con Trump. In generale, la segnalazione di notizie dirette ha un pregiudizio minimo, tuttavia, come agenzia di notizie finanziata dallo stato, Al Jazeera non è tipicamente critica verso il Qatar.

Al Jazeera ha anche una pagina di opinioni che mostra un pregiudizio significativo contro Israele. In questo articolo, l’autore usa parole emotive altamente negative, come evidenziato da questa citazione: “L’Europa condivide sempre più l’approccio razzista di Israele alla sicurezza delle frontiere e adotta le sue tecnologie mortali”. Questo articolo, tuttavia, ha una fonte appropriata di media credibili. Un altro articolo “In quanti altri modi Israele può condannare a morte i palestinesi?” usa anch’esso un linguaggio carico e negativo verso Israele. Inoltre, la pagina delle opinioni non ha un’opinione favorevole del presidente americano Donald Trump attraverso questo articolo: ‘Filo spinato più’: I confini non conoscono amore. In generale, i pezzi di opinione sono abitualmente prevenuti contro Israele e le ideologie di destra.

Nel 2017, Al Jazeera ha mandato in onda un rapporto investigativo sulla lobby britannica di Israele e dopo la messa in onda, Ofcom (autorità di regolamentazione e concorrenza approvata dal governo britannico) ha ricevuto denunce da un certo numero di attivisti britannici pro-Israele, che includevano un ex dipendente dell’ambasciata israeliana. Sono stati accusati di antisemitismo, parzialità, montaggio scorretto e violazione della privacy, cosa che è stata poi chiarita da Ofcom, che ha detto che il pezzo non era antisemita ed era in effetti, giornalismo investigativo. In seguito, una versione statunitense del documentario chiamata “Lobby” non è stata trasmessa, a causa delle pressioni dei legislatori statunitensi che spingevano per la registrazione di Al Jazeera come entità straniera, e quindi etichettando i suoi giornalisti come ‘spie’. Inoltre, l’Arabia Saudita e altre tre nazioni arabe hanno chiesto al Qatar di chiudere Al Jazeera. Al Jazeera ribatte le accuse qui.

Una ricerca dei fatti rivela che Al Jazeera ha fallito alcuni controlli dei fatti.

  • ALLARME FALSI: Foto di rifugiati che si spostano da Amritsar a Lahore – FALSO
  • No, il tasso di omicidi per le donne in Sudafrica non è aumentato del 117% – FALSO

In generale, valutiamo Al Jazeera di sinistra-centro biased, basato sulla selezione delle storie che favorisce leggermente la sinistra e misto per la segnalazione dei fatti a causa di controlli dei fatti falliti che non sono stati corretti e fuorviante bias editoriale estrema che favorisce il Qatar. (5/15/2016) Aggiornato (M. Huitsing 14/08/2019)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.