Il test di rimbalzo della batteria funziona davvero?

Il test di rimbalzo della batteria funziona più o meno. Si può dire se la batteria ha ancora una carica superiore al 90%, ma l’altezza di rimbalzo si ferma a circa il 50% e non va oltre. Questo significa che non è chiaro se la batteria è completamente scarica quando si osserva un rimbalzo.

Perché?

Steingart et al. hanno recentemente pubblicato un documento sull’argomento, e attraverso il rigore scientifico potrebbero confermare questa affermazione. La ragione che danno ha a che fare con il modo in cui è costruita una batteria alcalina:

(Fonte)

Come potete vedere, una gran parte dell’interno è dedicata all’anodo di zinco. Durante la scarica, una reazione redox ha luogo per produrre la corrente:$$ \ce{Zn + 2MnO2 -> ZnO + Mn2O3} $$ Lo zinco (solitamente in qualche forma di gel all’inizio) viene lentamente ossidato. Come risultato di questa ossidazione, si formano legami incrociati tra i piccoli granuli di zinco, che rendono l’intero centro più rigido. Come tale, il suo “rimbalzo” (o coefficiente di restituzione) diventa maggiore, perché l’energia cinetica verso il basso non può più essere completamente assorbita dal gel.

Se sei interessato a maggiori dettagli, controlla l’articolo che hanno pubblicato. Se non hai accesso puoi leggere un riassunto sulla pagina web di Princeton University News, dove puoi anche vedere un’animazione di una serie di batterie scariche che rimbalzano a diverse altezze.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.