Cistoadenoma mucinoso

Una donna di 53 anni in perimenopausa si è presentata al pronto soccorso con dolore e distensione addominale pulsante. Il dolore è iniziato 5 giorni prima ed è peggiorato stando seduti e camminando; ha anche sperimentato una crescente dispnea. Aveva notato un aumento della circonferenza addominale circa 5 mesi prima. Da allora, aveva guadagnato da 5 a 10 libbre, nonostante la dieta. La paziente ha riferito una storia di 22 anni di fumo ma nessun uso di alcol. Prendeva antidolorifici da banco e farmaci per le allergie. La sua storia familiare era notevole per un fratello che è morto di cancro alla laringe.

Il paziente era alto 4 ft 9 in e pesava 115 lb (peso normale, 105 lb). La pressione sanguigna era 148/72 mm Hg; altri segni vitali erano normali. L’addome era morbido, disteso e tenero senza rimbalzo o guardia; i suoni intestinali erano normali. Una massa palpabile si estendeva dall’sinfisi del pube fino a vicino all’ombelico.

I risultati dell’emocromo completo, del pannello metabolico di base, dell’analisi delle urine, delle prove di amilasi e lipasi e delle prove di funzionalità epatica erano normali. Un test delle urine con gonadotropina corionica umana era negativo. La TAC addominale e pelvica ha mostrato una grande massa cistica multiloculare che nasceva dalla pelvi e si estendeva fino al livello del diaframma (A). C’erano fibromi multipli nell’utero e nessun liquido libero peritoneale.

Il valore del test dell’antigene tumorale 125 (CA-125) era di 16 U/mL (range normale, meno di 35 U/mL). La laparotomia esplorativa ha rivelato una grande massa solida e cistica proveniente dall’ovaia destra. Furono eseguite un’isterectomia addominale totale e una salpingo-ovariectomia bilaterale. La massa asportata era di 24 × 15 × 14 cm e pesava circa 8 lb (B); era liscia senza escrescenze ed era composta da cisti gelatinose. I risultati patologici hanno rivelato un cistoadenoma mucinoso benigno.

La paziente ha tollerato bene l’intervento e si è ripresa senza complicazioni. Dopo l’operazione, è tornata al suo normale livello di attività.

I cistoadenomi mucinosi sono relativamente comuni (dal 12% al 15% di tutti i tumori ovarici).1 Possono diventare massicci. Questi tumori di solito si sviluppano dalla terza alla quinta decade di vita e tipicamente causano sintomi vaghi, come aumento della circonferenza addominale, dolore addominale o pelvico, emesi, affaticamento, indigestione, stipsi e incontinenza urinaria.2,3 Poiché il tumore di 8 libbre di questa paziente era sproporzionatamente grande per la sua piccola struttura, limitava il movimento del diaframma e portava alla dispnea.

Anche se i cistoadenomi mucinosi sono benigni, possono progredire in cistoadenocarcinomi; possono anche contenere sacche di malignità che sono facilmente mancate.4 Il fumo è un noto fattore di rischio per il cancro ovarico mucinoso.5

Perché il quadro clinico dei tumori mucinosi benigni e maligni è molto simile, la biopsia è il metodo preferito di diagnosi. La laparoscopia con i caratteristici risultati ultrasonografici come minimo è richiesta; tuttavia, la laparotomia aperta può essere necessaria per la stadiazione e il trattamento.6 La misurazione del CA-125 spesso non è utile per la diagnosi, perché un livello elevato è un reperto inconsistente nei tumori maligni ovarici.

La diagnosi è spesso ritardata perché le donne spesso non riferiscono i sintomi o li attribuiscono ad altre cause (ad esempio, la menopausa). Questa paziente pensava di “ingrassare” e ha ignorato i suoi sintomi fino a quando il tumore non è cresciuto significativamente. Fortunatamente, la malignità non si è sviluppata durante i 5 mesi di intervallo tra i primi sintomi e la diagnosi.

Rodríguez IM, Prat J. Tumori mucinosi dell’ovaio: un’analisi clinicopatologica di 75 tumori borderline (di tipo intestinale) e carcinomi.

Am J Surg Pathol.

2002;26:139-152.

Bankhead CR, Kehoe ST, Austoker J. Symptoms associated with diagnosis of ovarian cancer: a systematic review.

BJOG.

2005;112:857-865.

Goff BA, Mandel L, Muntz HG, Melancon CH. Diagnosi del carcinoma ovarico.

Cancer.

2000;89: 2068-2075.

Zheng J, Benedict WF, Xu HJ, et al. Genetic disparity between morphologically benign cysts contiguous to ovarian carcinomas and solitary cystadenomas.

J Natl Cancer Inst.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.